Clicca per le informazioni sull'album



SPACE ODDITY
(Bowie)

Ground Control to Major Tom
Ground Control to Major Tom
Take your protein pills
and put your helmet on

Ground Control to Major Tom
Commencing countdown,
engines on
Check ignition
and may God's love be with you

(spoken)
Ten, Nine, Eight, Seven, Six, Five, Four, Three, Two, One, Liftoff

This is Ground Control
to Major Tom
You've really made the grade
And the papers want to know whose shirts you wear
Now it's time to leave the capsule
if you dare

This is Major Tom to Ground Control
I'm stepping through the door
And I'm floating
in a most peculiar way
And the stars look very different today

For here
Am I sitting in a tin can
Far above the world
Planet Earth is blue
And there's nothing I can do

Though I'm past
one hundred thousand miles
I'm feeling very still
And I think my spaceship knows which way to go
Tell my wife I love her very much
she knows

Ground Control to Major Tom
Your circuit's dead,
there's something wrong
Can you hear me, Major Tom?
Can you hear me, Major Tom?
Can you hear me, Major Tom?
Can you....

Here am I floating
round my tin can
Far above the Moon
Planet Earth is blue
And there's nothing I can do.

STRANEZZA SPAZIALE 1
(Bowie)

Torre di Controllo a Maggiore Tom,
Torre di Controllo a Maggiore Tom,
Prendi le tue pillole di proteine e mettiti il casco.

Torre di Controllo a Maggiore Tom
comincia il conto alla rovescia,
accendi i motori,
controlla l'accensione
e che Dio ti assista.

(parlato)
Dieci, nove, otto, sette, sei, cinque,
quattro, tre, due, uno, Partenza

Questa è la Torre di Controllo
a Maggiore Tom,
Ce l'hai proprio fatta
E i giornali vogliono sapere che marca di camicia porti
E' arrivato il momento di lasciare la capsula se te la senti.

Qui è Maggiore Tom a Torre di Controllo,
Sto uscendo dalla porta
E sto galleggiando nello spazio
in modo strano
E le stelle sembrano molto diverse oggi.

Perché
Sto seduto in un barattolo di latta,
Lontano sopra il mondo,
Il pianeta Terra è blu
E non c'è niente che io possa fare.

Malgrado sia lontano
più di centomila miglia,
Mi sento molto tranquillo,
E penso che la mia astronave sappia dove andare
Dite a mia moglie che la amo tanto,
lei lo sa

Torre di Controllo a Maggiore Tom
Il tuo circuito si è spento,
c'è qualcosa che non va
Mi senti, Maggiore Tom?
Mi senti, Maggiore Tom?
Mi senti, Maggiore Tom?
Mi senti......

Sono qui che galleggio
attorno al mio barattolo di latta,
Lontano sopra la Luna,
Il pianeta Terra è blu
E non c'è niente che io possa fare

 


Note
: 1 Gioco di parole con Space Odyssey, titolo del famoso film "2001, Odissea nello spazio", di Stanley Kubrick. Si dice che il brano sia stato ispirato dalle condizioni di bordo degli astronauti dell' Apollo 8. Bowie riprenderà il tema del Major Tom nel 1980 in Ashes to Ashes (Scary Monsters)

 




 

UNWASHED
AND SOMEWHAT SLIGHTLY DAZED
(Bowie)

Spy, spy, pretty girl
I see you see me through your window
Don't turn your nose up
Well, you can if you need to, you won't be the first or last

It must strain you to look down so far from your father's house
And I know what a louse like me in his house could do for you
I'm the Cream
Of the Great Utopia Dream
And you're the gleam
In the depths
of your banker's spleen

I'm a phallus in pigtails
And there's blood on my nose
And my tissue is rotting
Where the rats chew my bones
And my eye sockets empty
See nothing but pain
I keep having this brainstorm
About twelve times a day
So now, you could spend the morning walking with me, quite amazed
As I'm Unwashed
and Somewhat Slightly Dazed

I got eyes in my backside
That see electric tomatoes
On credit card rye bread
There are children in washrooms
Holding hands with a queen
And my heads full of murders
Where only killers scream
So now you could spend the morning talking with me quite amazed
Look out, I'm raving mad and Somewhat Slightly Dazed

Now you run from your window
To the porcelain bowl
And you're sick from your ears
To the red parquet floor
And the Braque on the wall
Slides down your front
And eats through your belly
It's very catching
So now, you should spend the mornings lying to your father quite amazed
About the strange Unwashed and Happily Slightly Dazed.

SPORCO E IN QUALCHE
MODO LEGGERMENTE
INTONTITO
(Bowie)

Spia, spia, bella ragazza,
Ti vedo guardarmi dalla tua finestra.
Non storcere il naso,
Sì, puoi farlo se vuoi, non saresti la prima né l'ultima

Devi sforzarti per guardare in giù così lontano dalla casa di tuo padre,
E io so cosa potrebbe fare per te un pidocchio come me in casa sua
Io sono la Crema
Del Grande Sogno dell'Utopia.
E tu sei il bagliore
Nelle profondità
della vostra tristezza di banchieri.

Sono un fallo con le treccine,
E ho il sangue sul naso,
E la mia carne marcisce
Dove i topi mangiano le mie ossa,
E l'orbita vuota dei miei occhi
Non vede altro che dolore.
Il cervello continua a darmi di volta
Circa dodici volte al giorno
Allora, potresti passare la mattina a camminare con me abbastanza stupita,
Perché sono sporco
e in qualche modo leggermente intontito.

Ho gli occhi sul sedere
Che vedono pomodori elettrici
E pane di segala sulla carta di credito
Ci sono bambini nei bagni che
Stringono la mano a una checca
E la mia testa è piena di delitti
Dove urlano solo gli assassini.
Allora, potresti passare la mattina a parlare con me, molto spaventata
Guarda fuori, sono un pazzo furioso e in qualche modo leggermente intontito

Ora corri dalla finestra
Al vaso di porcellana.
E stai male dalle orecchie
Fino al pavimento di legno rosso.
E il Braque alla parete
Scivola giù davanti a te
E mangia dal tuo ventre
È molto coinvolgente
Allora, dovresti passare la mattina a mentire a tuo padre molto spaventato
Dallo strano individuo sporco e in qualche modo leggermente intontito.

 



 

LETTER TO HERMIONE
(Bowie)

The hand that wrote this letter
Sweeps the pillow clean
So rest your head and
read a treasured dream
I care for no one else but you
I tear my soul to cease the pain
I think maybe you feel the same
What can we do?
I'm not quite sure what we're supposed to do
So I've been writing just for you

They say your life is going very well
They say you sparkle like a different girl
But something tells me that you hide
When all the world is warm and tired
You cry a little in the dark
Well so do I
I'm not quite sure
what you're supposed to say
But I can see it's not okay

He makes you laugh
He brings you out in style
He treats you well
And makes you up real fine
And when he's strong
He's strong for you
And when you kiss
It's something new
But did you ever call my name
Just by mistake?
I'm not quite sure what I'm supposed to do
So I'll just write some love to you

LETTERA A HERMIONE 2
(Bowie)

La mano che ha scritto questa lettera
Pulisce il cuscino.
Così appoggiaci la testa
e leggi un sogno custodito
Non mi interessi che te
La mia anima si lacera per combattere il dolore
Penso che forse anche tu ti senta così,
Cosa possiamo fare?
Non sono sicuro di cosa dovremmo fare.
E' per questo che ho scritto proprio per te.

Dicono che la tua vita va a gonfie vele
Dicono che brilli come se tu fossi un'altra
Ma qualcosa mi dice che ti nascondi
Quando tutto il mondo è caldo e stanco
Piangi un po' al buio,
Beh, anch'io
Non sono sicuro
di cosa dovresti dire,
Ma posso vedere che non va bene.

Lui ti fa ridere,
Lui ti porta fuori con eleganza,
Lui ti tratta bene
E ti fa essere bella.
E quando è forte,
È forte per te.
E quando lo baci
È qualcosa di nuovo.
Ma hai mai chiamato il mio nome
Solo per sbaglio?
Non sono sicuro di cosa dovrei fare.
Così ti ho scritto un po' del mio amore.

 


Note
: 2 Questo brano apparve in origine come demo dal titolo I'm not quite. Si dice che il titolo sia stato cambiato poi in Letter to Hermione, quando la ragazza di David a quel tempo (Hermione Farthingale) lo lasciò.

 

 



 

CYGNET
COMMITTEE

(Bowie)

I bless you madly,
sadly as I tie my shoes
I love you badly,
Just in time, at times, I guess
Because of you I need to rest
Because it's you
that sets the test

So much has gone
and little is new
And as the sparrow sings
Dawn chorus for
Someone else to hear
The Thinker sits alone growing older
And so bitter

"I gave Them life
I gave Them all
They drained my very soul
...dry
I crushed my heart
to ease Their pains
No thought for me remains there
Nothing can They spare
What of me?
Who praised Their efforts
to be free?
Words of strength and care
and sympathy
I opened doors
that would have blocked Their way
I braved Their cause to guide,
for little pay

I ravaged at my finance just for Those
Those whose claims were steeped in peace, tranquility
Those who said a new world, new ways ever free
Those whose promises stretched in hope and grace for me"

I bless you madly,
sadly as I tie my shoes
I love you badly, just in time,
at times, I guess
Because of you I need to rest, oh yes
Because it's you
that sets the test

So much has gone
and little is new
And as the sunrise stream
Flickers on me,
My friends talk
Of glory, untold dream, where all is God and God is just a word

"We had a friend, a talking man
Who spoke of many powers that he had
Not of the best of men, but Ours

We used him
We let him use his powers
We let him fill Our needs
Now We are strong

And the road is coming to its end
Now the damned have no time to make amends
No purse of token fortune stands in Our way
The silent guns of love
will blast the sky
We broke the ruptured structure built of age
Our weapons were the tongues of crying rage

Where money stood
We planted seeds of rebirth
And stabbed the backs of fathers
Sons of dirt

Infiltrated business cesspools
Hating through Our sleeves
Yea, and We slit the Catholic throat
Stoned the poor
on slogans such as

'Wish You Could Hear'
'Love Is All We Need'
'Kick Out The Jams'
'Kick Out Your Mother'
'Cut Up Your Friend'
'Screw Up Your Brother or He'll Get You In the End'

And We Know the Flag of Love is from Above
And We Can Force You to Be Free
And We Can Force You to Believe"

And I close my eyes and tighten up my brain
For I once read a book in which the lovers were slain
For they knew not the words of the Free States' refrain
It said:
"I believe in the Power of Good
I Believe in the State of Love
I Will Fight For the Right to be Right
I Will Kill for the Good of the Fight for the Right to be Right"

And I open my eyes to look around
And I see a child laid slain
on the ground
As a love machine lumbers through desolation rows
Ploughing down man, woman, listening to its command
But not hearing anymore
Not hearing anymore
Just the shrieks from the old rich

And I Want to Believe
In the madness that calls 'Now'
And I want to Believe
That a light's shining through
Somehow

And I Want to Believe
And You Want to Believe
And We Want to Believe
And We Want to Live
Oh, We Want to Live

We Want to Live
We Want to Live
We Want to Live
We Want to Live
We Want to Live

I Want to Live
I Want to Live
I Want to Live

I Want to Live
I Want to Live
I Want to Live

Live
Live
Live

COMITATO
DEL PICCOLO CIGNO

(Bowie)

Ti invoco come un pazzo, tristemente come allaccio le mie scarpe.
Ti amo disperatamente
Appena in tempo, a volte penso.
Per causa tua ho bisogno di fermarmi,
Perché sei tu
che stabilisci le regole del gioco.

E' passato tanto tempo
e c'è così poco di nuovo
E quando il passero canta
Spunta un coro per
Qualcun altro da ascoltare,
Il Pensatore siede da solo, invecchia,
E così triste.

"Ho dato Loro la vita,
Ho dato Loro tutto.
Loro hanno lasciato la mia anima
... asciutta.
Mi sono spezzato il cuore
per alleviare le Loro pene
Neanche un pensiero per me
Non hanno alcun riguardo
Che ne sarà di me?
Chi ha apprezzato i Loro sforzi per essere liberi?
Parole di coraggio e comprensione
e simpatia.
Ho aperto porte
che avrebbero sbarrato la Loro strada.
Ho sfidato la Loro causa per guidarLi,
per una piccola ricompensa.

Ho devastato le mie finanze solo per Loro
Loro, le cui pretese sono state sommerse in pace, in tranquillità,
Loro che parlavano un nuovo mondo, nuove vie sempre libere.
Loro le cui promesse si allargavano a speranza e grazia per me"

Ti invoco come un pazzo,
tristemente come allaccio le mie scarpe.
Ti amo disperatamente, proprio in tempo,
a volte, credo
Per causa tua ho bisogno di fermarmi,
Perché sei tu
che stabilisci le regole del gioco.

E' passato tanto tempo
e c'è così poco di nuovo
E quando l'alba mi inonda
Di bagliori
I miei amici parlano
Di gloria, sogni mai raccontati, dove tutto è Dio e Dio è solo una parola.

" Avevamo un amico, un uomo che parlava
Che parlò di molti poteri che aveva
Non uno degli uomini migliori, ma dei Nostri

L'abbiamo usato.
Gli abbiamo lasciato usare i suoi poteri.
Gli abbiamo lasciato colmare i Nostri bisogni
Ora siamo forti

E la strada sta per arrivare alla fine
Ora il dannato non ha tempo per fare ammenda.
Sulla Nostra strada non ci sono sacchi con fortune rubate.
I silenziosi fucili dell'amore faranno esplodere il cielo
Abbiamo rotto la struttura incrinata eretta dal tempo
Le Nostre armi sono state le voci di un grido di rabbia.

Dove c'era il danaro
Abbiamo piantato i semi di una rinascita
E abbiamo accoltellato alla schiena i genitori
Figli della sporcizia

Fogne di affari infiltrati
Che odiano tramite noi
Sì, e abbiamo squarciato la gola cattolica
E abbiamo intontito i poveri
con slogan come:

"Speriamo che Possiate Sentire"
"L'Amore è tutto ciò di cui Abbiamo Bisogno"
"Eliminate i Problemi"
"Eliminate Vostra Madre"
"Fate a pezzi i Vostri Amici"
"ScopateVi Vostro Fratello o Lo Farà Lui Alla Fine"

E Noi sappiamo che la Bandiera dell'Amore è in Alto
E Possiamo Costringerti ad Essere Libero
E Possiamo Costringerti a Credere

Ed Io ho chiuso gli occhi e sprangato il cervello
Perché una volta ho letto un libro in cui gli amanti erano uccisi
Perché non conoscevano le parole del ritornello degli Stati Liberi 3
Diceva:
"Credo nel Potere del Bene
Credo nello Stato dell'Amore
Lotterò per il Diritto alla Giustizia
Ucciderò per il Successo della Lotta per
il Diritto alla Giustizia"

E ho aperto gli occhi per guardarmi attorno,
E ho visto un bambino che giaceva ucciso
al suolo
Come una macchina dell'amore si muove a fatica per vie desolate,
Falciando uomini e donne che ne ascoltano gli ordini
Ma non ascoltano più
Non ascoltano più
Solo gli strilli del vecchio ricco.

E io Voglio Credere
Nella follia che chiama "Ora"
E io Voglio Credere
Che ci sia una luce che brilla
In qualche modo.

E Io Voglio Credere
E Tu Vuoi Credere
E Noi Vogliamo Credere
E Vogliamo Vivere
Oh, Vogliamo Vivere

Vogliamo Vivere
Vogliamo Vivere
Vogliamo Vivere
Vogliamo Vivere
Vogliamo Vivere

Vogliamo Vivere
Vogliamo Vivere
Vogliamo Vivere

Vogliamo Vivere
Vogliamo Vivere
Vogliamo Vivere

Vivere
Vivere
Vivere

 
Note
: 3
 Questo paragrafo potrebbe essere un riferimento al libro di Orwell "1984", tema che Bowie riprenderà nel 1974 nell'album Diamond Dogs
 



 

JANINE
(Bowie)

Oh my love, Janine
I'm helpless for your smile
Like a Polish wanderer
I travel ever onwards to your land
And were it not just for the jewels, I'd close your hand

Your strange demand
To 'collocate' my mind
Scares me into gloom
You're too intense
I'll have to keep you in your place
I've no defence
I've got to keep my veil on my face

Janine, Janine, you'd like to know me well
But I've got things inside my head
That even I can't face

Janine, Janine, you'd like to crash
my walls
But if you take an axe to me
You'll kill another man
Not me at all

You're fey, Janine
A tripper to the last
But if I catch you standing on my toes
I'll have a right to shout you down
For you're a lazy stream
In which my thoughts would drown

So stay, Janine
And we can glide along
I've caught your wings for laughs
I'm not obliged to read you statements of the year
So take your glasses off
And don't act so sincere

Janine, Janine, you'd like to know me well
But I've got things inside my head
That even I can't face

Janine, Janine, you'd like to crash
my walls
But if you take an axe to me
You'll kill another man
Not me at all

JANINE
(Bowie)

Oh, amore mio, Janine
Sono perso nel tuo sorriso.
Come un vagabondo Polacco
Viaggio sempre verso il tuo paese.
E se non fosse per i gioielli, meriterei la tua mano.

La tua strana domanda
Di "riordinare " la mia mente
Mi getta nello sconforto
Sei troppo intensa
Dovrò tenerti al tuo posto
Non ho difese
Devo tenere il velo sulla mia faccia

Janine, Janine, vorresti conoscermi bene
Ma ho delle cose nella testa
Che non posso guardare neppure io

Janine, Janine, vorresti abbattere i miei muri
Ma se vieni da me con un'ascia
Ucciderai un altro uomo
Certo non me

Sei sconclusionata, Janine
Una viaggiatrice alla fine
Ma se ti trovo a pestarmi i piedi
Avrò il diritto di zittirti
Perché sei un ruscello pigro
In cui vorrei affogare i miei pensieri

Così resta, Janine
E possiamo scivolare insieme
Ho catturato le tue ali per ridere
Non sono obbligato a leggere i tuoi proponimenti per l'anno nuovo
E allora togliti gli occhiali
E non essere così sincera

Janine, Janine, vorresti conoscermi bene
E ho delle cose nella testa
Che non posso guardare neppure io

Janine, Janine, vorresti abbattere i miei muri
Ma se vieni da me con un'ascia
Ucciderai un altro uomo
Certo non me

 

 



 

AN OCCASIONAL DREAM
(Bowie)

I recall how we lived
On the corner of a bed
And we'd speak of a Swedish room
Of hessian and wood
And we'd talk with our eyes
Of the sweetness in our lives
And tomorrows of rich surprise...
Some things we could do

In our madness
We burnt one hundred days
Time takes time to pass
And I still hold some ashes to me
An Occasional Dream

And we'd sleep, oh so close
But not really close our eyes
'Tween the sheets of summer
bathed in blue...
Gently weeping nights
It was long, long ago
And I can't touch your name

For the days of fate
were strong for you...
Danced you far from me

In my madness
I see your face in mine
I keep a photograph
It burns my wall with time
Time
An Occasional Dream
Of mine
An Occasional Dream
Of mine
An Occasional Dream
Of mine

UN SOGNO OCCASIONALE
(Bowie)

Ricordo come vivevamo
Sull'angolo di un letto
E parlavamo di una stanza svedese
Di juta e legno
E parlavamo con gli occhi
Della dolcezza nelle nostre vite
E domani ricchi di sorprese...
Delle cose che avremmo potuto fare

Nella nostra follia
Abbiamo bruciato un centinaio di giorni
Ci vuol tempo per far passare il tempo
E ne conservo ancora le ceneri
Un sogno occasionale

E abbiamo dormito, oh, così vicini,
Ma i nostri occhi non erano davvero chiusi
tra le lenzuola estive
bagnate di blu...
Piangendo dolcemente di notte
Era molto, molto tempo fa
E non posso ancora toccare il tuo nome

Perché i giorni della sorte
sono stati duri per te...
Ti hanno fatto ballare lontano da me

Nella mia follia
Vedo la tua faccia nella mia
Conservo una fotografia
Che, con il tempo, brucia la mia parete
Tempo
Un sogno occasionale
Dei miei
Un sogno occasionale
Dei miei
Un sogno occasionale
Dei miei

 

 



 

THE WILD
EYED BOY
FROM FREECLOUD

(Bowie)

Solemn faced
The village settles down
Undetected by the stars
And the hangman plays the mandolin before he goes to sleep
And the last thing on his mind
Is the Wild Eyed Boy imprisoned
'Neath the covered wooden shaft
Folds the rope
Into its bag
Blows his pipe of smolders
Blankets smoke into the room
And the day will end for some
As the night begins for one

Staring through the message in his eyes
Lies a solitary son
From the mountain called Freecloud
Where the eagle dare not fly
And the patience in his sigh
Gives no indication
For the townsmen to decide
So the village Dreadful yawns
Pronouncing gross diversion
As the label for the dog
Oh "It's the madness in his eyes"
As he breaks the night to cry:

"It's really Me
Really You
And really Me
It's so hard for us to really be
Really You
And really Me
You'll lose me though I'm always
really free"

And the mountain moved its eyes
To the world of realize
Where the snow had saved a place
For the Wild Eyed Boy
from Freecloud

And the village Dreadful cried
As the rope began to rise
For the smile stayed on the face
Of the Wild Eyed Boy
from Freecloud
And the women once proud
Clutched the heart of the crowd
As the boulders smashed down from the mountain's hand

And the Magic in the stare
Of the Wild Eyed Boy said
"Stop, Freecloud
They won't think to cut me down"
But the cottages fell
Like a playing card hell
And the tears on the face
Of the Wise Boy
Came tumbling down
To the rumbling ground
And the missionary mystic of peace/love
Stumbled to cry among the clouds
Kicking back the pebbles
From the Freecloud mountain
Track.

IL RAGAZZO DAGLI OCCHI
SELVAGGI DI NUVOLA
LIBERA

(Bowie)

Il volto solenne
Il villaggio si corica
Non visto dalle stelle
E il boia suona il mandolino prima
di andare a dormire
E l'ultima cosa che ha in mente
È il Ragazzo dagli Occhi Selvaggi imprigionato sotto al palo di legno coperto
Piega la corda
Nella borsa
Soffia via la cenere dalla pipa
Nuvole di fumo nella stanza
E come il giorno finisce per qualcuno
La notte inizia per uno

Guardando fisso il messaggio nei suoi occhi
Giace un figlio solitario
Dalla montagna chiamata Nuvola Libera
Dove l'aquila non osa volare
E la pazienza nel suo gemito
Non dà indicazioni
Agli uomini della città per decidere
Così il villaggio sbadiglia Terribile
Pronunciando storielle volgari
Come la targhetta per il cane
Oh "La follia è nei suoi occhi"
Quando squarcia la notte per gridare:

"Sono proprio Io
Proprio Voi
E proprio Io
E' così difficile per noi essere realmente
Proprio Voi
E proprio Io.
Mi perderete malgrado io sia ancora realmente libero"

E la montagna mosse gli occhi
Sul mondo per capire
Se la neve aveva lasciato un posto scoperto
Per il Ragazzo dagli Occhi Selvaggi
di Nuvola Libera

E il villaggio Terribile gridò
Quando la fune cominciò a salire
Perché c'era il sorriso sul viso
Del Ragazzo dagli Occhi Selvaggi
di Nuvola Libera
E le donne una volta orgogliose
Strinsero il cuore della gente
Quando i massi rotolarono giù dalla mano della montagna

E la Magia nello sguardo
Del Ragazzo dagli Occhi Selvaggi disse:
"Basta, Nuvola Libera,
Non penseranno a uccidermi"
Ma le villette caddero
Come un inferno di carte da gioco
E le lacrime sulla faccia
Del Saggio Ragazzo
Caddero tremanti
Sulla terra che rimbombava
E il missionario mistico di pace/amore
Inciampò per piangere tra le nuvole
Dando calci ai sassi
Della strada
Della montagna Nuvola Libera

 

 

 

 



 

GOD KNOWS I'M GOOD
(Bowie)

I was walking through the counters of a national concern
And a cash machine was spitting by my shoulder

And I saw the multitude of faces, honest, rich and clean
As the merchandise exchanged and money roared
And a woman hot with worry slyly slipped a tin of stewing steak
Into the paper bag at her side
And her face was white with fear in case her actions were observed
So she closed her eyes to keep her conscience blind

Crying
"God knows I'm good
God knows I'm good
God knows I'm good
God may look the other way today

God knows I'm good
God knows I'm good
God knows I'm good
God may look the other way today"

Then she moved toward the exit clutching tightly at her paper bag
Perspiration trickled down her forehead
And her heart it leapt inside her as the hand laid on her shoulder
She was led away bewildered and amazed
Through her deafened ears the cash machines were shrieking on the counter
As her escort asked her softly
for her name
And a crowd of honest people rushed to help a tired old lady
Who had fainted to the whirling
wooden floor

Crying
"God knows I'm good
God knows I'm good
God knows I'm good
Surely God won't look
the other way

God knows I'm good
God knows I'm good
God knows I'm good
Surely God won't look
the other way"

DIO SA CHE SONO BUONA
(Bowie)

Stavo camminando tra i banchi di un'impresa nazionale
E un registratore di cassa stava sputacchiando alle mie spalle

E vidi la moltitudine di facce, oneste, ricche e pulite
Come la merce scambiata e i soldi pagati
E una donna piena di tormento fece scivolare furtivamente un barattolo di stufato
Nella borsa di carta al suo fianco
E la sua faccia era bianca di paura che i suoi gesti fossero osservati
Così chiuse gli occhi per rendere cieca la sua coscienza

Piangendo
"Dio sa che sono buona
Dio sa che sono buona
Dio sa che sono buona
Oggi Dio può guardare da un'altra parte

Dio sa che sono buona
Dio sa che sono buona
Dio sa che sono buona
oggi Dio può guardare da un'altra parte"

Poi si mosse verso l'uscita stringendo forte la borsa di carta
Il sudore le colava dalla fronte
E il cuore sobbalzò quando la mano le si posò sulla spalla
E venne portata via confusa e imbarazzata
Nelle sue orecchie assordate i registratoni di cassa stridevano sui banchi
Quando la sua scorta le chiese sottovoce come si chiamava
E una folla di persone oneste corse ad aiutare una vecchia signora stanca
Che era svenuta sul turbinante
pavimento di legno

Piangendo
"Dio sa che sono buona
Dio sa che sono buona
Dio sa che sono buona
certamente Dio non guarderà
da un'altra parte

Dio sa che sono buona
Dio sa che sono buona
Dio sa che sono buona
certamente Dio non guarderà
da un'altra parte"

 




 

MEMORY OF A FREE
FESTIVAL

(Bowie)

The Children of the summer's end
Gathered in the dampened grass
We played Our songs and felt the London sky
Resting on our hands
It was God's land
It was ragged and naive
It was Heaven

Touch, We touched the very soul
Of holding each and every life
We claimed the very source of joy ran through
It didn't, but it seemed that way
I kissed a lot of people that day

Oh, to capture just one drop of all the ecstasy that swept that afternoon
To paint that love
upon a white balloon
And fly it from
the topest top of all the tops
That man has pushed beyond his brain
Satori must be something
just the same

We scanned the skies with rainbow eyes and saw machines of every shape and size
We talked with tall Venusians passing through
And Peter tried to climb aboard but the Captain shook his head
And away they soared
Climbing through
the ivory vibrant cloud
Someone passed some bliss among the crowd
And We walked back to the road,
unchained

"The Sun Machine is Coming Down, and We're Gonna Have a Party
The Sun Machine is Coming Down, and We're Gonna Have a Party
The Sun Machine is Coming Down, and We're Gonna Have a Party
The Sun Machine is Coming Down, and We're Gonna Have a Party
The Sun Machine is Coming Down, and We're Gonna Have a Party."

RICORDO DI UN FESTIVAL LIBERO
(Bowie)

I Bambini di fine estate
Si raccolsero sull'erba umida
Suonammo le nostre canzoni e sentimmo il cielo di Londra
Riposare sulle nostre mani
Era il paese di Dio
Era agitato e innocente
Era il Paradiso.

Toccare, toccammo la vera anima
Nell'avere in pugno le vite di tutti
Rivendicammo che la vera fonte della gioia venisse fuori
Non venne, ma sembrò così
Baciai un sacco di gente quel giorno

Oh, catturare una sola goccia dell'estasi che spazzò via quel pomeriggio
Per dipingere quell'amore
su un pallone bianco
E farlo volare dalla cima
più alta di tutte le cime
Oltre le quali l'uomo ha spinto il suo cervello
Satori 4 dev'essere proprio
qualcosa del genere

Esplorammo i cieli con occhi di arcobaleno e vedemmo macchine di ogni forma e dimensione
Parlammo con alti Venusiani che passavano
E Peter cercò di salire a bordo ma il Capitano scosse la testa
E se ne volarono via
Librandosi attraverso
la vibrante nuvola di avorio
Qualcuno trasmise un po' di felicità tra la folla
E Noi tornammo verso la strada,
senza catene

"La Macchina del Sole Viene Giù, e Noi Faremo una Festa
La Macchina del Sole viene Giù, e Noi Faremo una Festa
La Macchina del Sole viene Giù, e Noi Faremo una Festa
La Macchina del Sole viene Giù, e Noi Faremo una Festa
La Macchina del Sole viene Giù, e Noi Faremo una Festa"

 


Note
: 4 Illuminazione trascendentale improvvisa che colpisce il discepolo del Buddismo Zen, con o senza l'aiuto del maestro.