David Bowie Brilliant Live Adventures Cofanetto Box testata

Brilliant Live Adventures sarà ristampato con tante scuse!

La disastrosa gestione delle vendite della serie Brilliant Live Adventures ha creato uno scontento e una rabbia che sembra abbiano investito il David Bowie Estate e l’etichetta discografica in modo così violento da costringerli a due iniziative importanti: chiedere pubblicamente scusa e ristampare altre copie di quella che doveva essere una tiratura limitata. Un’ iniziativa soddisfacente per molti, che non mancherà di scontentare una parte di fan che è riuscita a completare la raccolta con qualche sforzo economico non previsto.

Proprio attraverso i canali ufficiali è arrivato oggi il seguente comunicato:

AGGIORNAMENTO SU BRILLIANT LIVE ADVENTURES
Siamo consapevoli che molti fan hanno avuto una pessima esperienza di acquisto nel corso dell’iniziativa ‘Brilliant Live Adventures’, e di questo siamo molto rammaricati. Dobbiamo anche prendere atto che, a causa della domanda inaspettata, molti di voi purtroppo non sono stati in grado di acquistare alcuni titoli e di conseguenza non hanno potuto completare la loro raccolta.
Nelle prossime settimane vi forniremo ulteriori dettagli su come e quando renderemo nuovamente disponibili questi titoli.
Nuovamente, ci scusiamo e vi ringraziamo per la vostra pazienza e il vostro continuo supporto.

I dettagli di Mark Adams

A entrare ancora più nel dettaglio è stato Mark Adams su facebook, che da anni gestisce i social:

David-Bowie-Brilliant-Live-Adventures-Cofanetto-Box
Il cofanetto, acquistabile separatamente, che raccoglie tutte le uscite

Carissimi BOWIE KOOKS, probabilmente avrete già visto l’annuncio ufficiale attraverso altre fonti, ma volevo solo aggiungere un paio di cose dal mio punto di vista. Questa non è da considerarsi una estensione dell’annuncio ufficiale.
Il motivo per cui il comunicato è privo di informazioni su come ordinare, ecc., è che la Warner voleva comunicarvi una soluzione il prima possibile, nella speranza di evitare agli appassionati di rivolgersi ai “bagarini”. È evidente che i bagarini hanno capito che il BLA era un modo veloce per fare dei soldi, ed è il motivo per cui è chiaro che molti hanno acquistato gli album esclusivamente per rivenderli. La cosa è peggiorata man mano che l’iniziativa è proseguita.
Quando la Warner ha iniziato la promozione di Brilliant Live Adventures si è basata sulle probabili vendite di altri recenti vinili/CD di Bowie. Non è una scienza esatta e anche se è sembrato che all’inizio avessero stimato bene la quantità di richieste, è evidente che la serie è diventata sempre più popolare con il passare del tempo e più ricercata ad ogni nuova pubblicazione. Ovviamente, non potevano aumentare la tiratura di ogni album strada facendo, non sarebbe stato fattibile, e avrebbe significato quantità diverse di ogni stampa.
Dopo le prime tirature, parlando con il personale della Warner è stato evidente che avessero capito molto bene che vendere il box e ogni album individualmente non fosse stata una grande idea. Credo che l’intenzione volesse essere una cosa tipo “club dei dischi” dove ogni nuova uscita fosse una sorpresa attesa con impazienza, e all’inizio sembrava essere così.
Sebbene BLA dovesse essere un’edizione limitata e nonostante alcuni fan siano già ricorsi alle aste online e simili, credo che questa proposta di produrne altre su ordinazione sia una buona cosa. Si spera così di vedere molti “bagarini” rimanere abbracciati alle loro scorte e che forse arrivino alla conclusione che le future pubblicazioni non saranno una buona occasione di guadagno.
Alcuni saranno comprensibilmente arrabbiati per il fatto di aver già sborsato somme esagerate pur di completare il set, ma questo passo di ristamparne di più su ordinazione è un gesto di buona volontà che spero farà piacere a più fan di quanti ne deluda.
La Warner ha fatto tesoro delle lezioni scaturite dalla campagna BLA e so che sono già stati presi dei provvedimenti per rendere gli acquisti futuri molto meno stressanti. È un peccato che un simile malcontento abbia messo in ombra quella che avrebbe dovuto essere una fantastica iniziativa, ma la Warner sta ascoltando e vuole rendervi felici in futuro.

La ricostruzione di un disastro annunciato

Ma forse non tutti i fan hanno seguito l’intera vicenda e si sono lanciati nell’acquisto. Per i più ignari, ci affidiamo alla ricostruzione esaustiva fatta dal sito Superdeluxedition e di seguito tradotta.

“I Fan di David Bowie, frustrati e alquanto scontenti della disastrosa iniziativa Brilliant Live Adventures, hanno ricevuto oggi le scuse del team web di Bowie, che ha riconosciuto come molti abbiano subito quella che hanno definito una “pessima esperienza d’acquisto”.

I fan hanno criticato sui social media le modalità con le quali sono state gestite le vendite dei sei album dal vivo e dei relativi cofanetti (vuoti), e molti si sono ritrovati con una raccolta incompleta per il fatto che i successivi episodi (in numero cinque e sei in particolare) sono andati esauriti in meno di mezz’ora!

La collezione è stata annunciata nell’ottobre dello scorso anno. Brilliant Live Adventures è il titolo di una raccolta di album dal vivo di David Bowie, che contiene materiale registrato tra il 1995 e il 1999.

Tutto molto bello, ma nel tentativo di tenere tutto il malloppo per sé, la Parlophone ha scelto di realizzare questo prodotto completamente in casa, scavalcando i tradizionali canali di vendita al dettaglio (negozi di dischi indipendenti e grandi distributori di unità come Amazon e HMV). Queste uscite avrebbero dovuto essere disponibili solo su tre siti online: Dig!, (il sito web ‘D2C’ direct-to-consumer della Rhino, recentemente ribattezzato), il negozio ufficiale di David Bowie e il webstore della Rhino negli Stati Uniti. L’etichetta si sarebbe occupata delle vendite, avrebbe gestito la consegna e il servizio clienti.

Nubi scure di malcontento si sono addensate quasi subito, quando è stata annunciata la prima uscita, Ouvrez Le Chien e le scatole vuote promesse per contenere tutti e sei i volumi sono spariti dalla vendita in un batter d’occhio! Una Parlophone imbarazzata promise che ce ne sarebbero stati altri, ma che i fan avrebbero dovuto aspettare fino alla fine della raccolta. L’incertezza aleggiava nell’aria come un cattivo odore.

In verità, le prime uscite sono andate via senza troppo clamore, ma la rabbia e la frustrazione hanno iniziato a crescere quando il numero cinque, Something In The Air, è andato esaurito in poco tempo (mezz’ora). La sensazione generale è stata che le edizioni limitate sono una cosa, ma qui si stava trasformando il processo di acquisto della musica fisica nello stesso tipo di lotteria con cui si acquistano i biglietti per i concerti. E come per i biglietti dei concerti, c’era il sospetto che questi non finissero tutti nelle mani dei fan, ma piuttosto andassero direttamente su eBay!

Gli appassionati di David Bowie sono stati lasciati a contemplare una collezione a metà di Brilliant Live Adventures, oppure hanno dovuto pagare più del dovuto ai “bagarini”.

Il crash di Dig! del 19 marzo 2021

Il numero sei – At The Kit Kat Klub (Live New York 99) – era l’ultimo della serie ed è qui che le cose sono davvero precipitate. Avvisati del fatto che questi si sarebbero esauriti rapidamente, i fan si sono precipitati in blocco al sito Dig! il 19 marzo e il sito si è immediatamente impallato proprio quando i fan avevano gli album nei loro carrelli. Alcuni sono riusciti a superare il processo di controllo, ma sono rimasti nel limbo, privi delle previste e-mail di conferma, mentre altri fan stressati hanno abbandonato Dig! e si sono diretti altrove, solo per trovare gli articoli richiesti non disponibili.

Cinque mesi dopo la promessa fatta in origine, alcuni contenitori sono tornati disponibili, ma non in modo coerente su tutti e tre i siti. Tale era l’incertezza, che alcuni hanno finito per scommettere e fare ordini doppi su diversi siti per essere sicuri di ottenere il prodotto di cui avevano bisogno. Questo naturalmente ha accentuato i problemi di disponibilità delle scorte.

Ma questi timori si sono rivelati ben fondati. Rhino US ha preso e confermato ordini per scatole vuote di CD e vinili due settimane fa, solo per informare alcune persone ieri che “a causa di un errore tecnico” le scatole erano state vendute in eccesso e che, alla fine, non le avrebbero ricevute! Tutte queste delusioni hanno portato i fan a concludere che Brilliant Live Adventures è stata la ‘peggiore uscita della storia’.

Brilliant Live Adventures sarà ristampato con tante scuse! 1
La mail in cui la Rhino comunica l’indisponibilità dell’acquisto.

Aggiornamento di VG: peggio.
La Rhino US ha inviato una comunicazione a molti fan non americani che erano riusciti ad acquistare, tra le molte difficoltà, l’ultimo album At the Kit Kat Klub (Live New York 99).
Nella mail li si informa che per “un errore tecnico” l’ordine piazzata è ora considerato un ri-ordine.
Nessuna informazione o garanzia della disponibilità o data di consegna.
Ma l’offerta di un eventuale rimborso dell’acquisto e un buono sconto del 15%.

Sembrerebbe che tutto ciò che poteva andare storto, sia andato storto. Nell’ottobre 2020, la Parlophone non ha prodotto abbastanza scatole vuote per soddisfare la domanda. Così ne hanno prodotte altre, ma non erano ancora abbastanza per soddisfare la domanda!

Something In The Air (#5) è diventato disponibile alle 9 del mattino GMT sia in Gran Bretagna che in America quando è stato messo in vendita. Così, quando i fan britannici non hanno potuto acquistarlo a causa della mancanza di scorte, indovinate un po’? Si sono indirizzati al negozio Rhino US e lo hanno ordinato lì! Gli americani erano a letto a dormire, totalmente ignari del fatto che le loro controparti d’oltreoceano stavano rubando dalla ‘loro’ scorta! Probabilmente alla luce di tutto ciò, l’ultimo live, At The Kit Kat Klub, è stato messo in vendita alle 4 del pomeriggio. Ma questo non è stato comunicato in anticipo dal team di Bowie, lasciando i fan a passare la giornata sotto stress, in stato di massima allerta, aggiornando costantemente i negozi online in attesa che le scorte diventassero disponibili.

Aggiungete a tutto questo, il concetto un po’ dubbio di chiedere ai fan di comprare la scatola vuota in cui conservare la loro collezione Brilliant Live Adventures e sarà facile capire la mancanza di benevolenza da parte dei consumatori. Il costo della spedizione nel Regno Unito per le sei uscite in vinile, aggiunto al prezzo della scatola vuota porta ad una cifra a monte di 50 sterline. Questo già prima di spendere 150 sterline per i dischi veri e propri (se te li fanno comprare…).

Perché non hanno previsto un’opzione per acquistare all’inizio tutti e sei gli album insieme nel cofanetto, che poteva essere consegnata in blocco quando il sesto album diventava disponibile? In questo modo la spedizione via corriere (nel Regno Unito) non sarebbe costata più di 10 sterline, facendo risparmiare al consumatore circa 30 sterline. E ricordando che vendendo direttamente al consumatore, l’etichetta intasca il margine normalmente guadagnato da un distributore tradizionale e dalla vendita al dettaglio, non c’è abbastanza profitto da 150 sterline di dischi per “regalare” ai fan una scatola di cartone in cui tenerli? L’etichetta e la Proprietà avevano davvero bisogno di spremere i fan di Bowie fino a farli scoppiare?

La dichiarazione odierna del negozio ufficiale di David Bowie, su facebook e twitter, è la seguente (già riportata sopra)

Quindi sembra proprio che abbiano intenzione di rendere disponibili più copie delle singole uscite di Brilliant Live Adventures (e forse anche qualche scatola in più). Questa è una buona notizia per quelli che se la sono persa, ma rimangono serie domande su come l’etichetta discografica abbia permesso che la situazione al limite del farsesco si verificasse in primo luogo.”

VIA Superdeluxedition

Condividi Bowie
  •  
  • 2
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Chi è VG Crew

La Crew di VG è formata da Daniele Federici e Paola Pieraccini. Daniele Federici è organizzatore di eventi scientifici ed è stato critico musicale per varie testate, tra cui JAM!. E'autore di un libro su Lou Reed del quale ha tradotto tutte le canzoni, prima di farlo con quelle di Bowie. Paola Pieraccini, imprenditrice fiorentina, è presente su VG fin dall'inizio e lo segue dagli anni '70. Entrambi hanno avuto modo di incontrare Bowie come rappresentanti di VG.

Guarda anche

David-Bowie-tutti-gli-album-cover

David Bowie – tutti gli album. Intervista a Francesco Donadio

Continua la nostra rassegna di video interviste e approfondimenti delle pubblicazioni editoriali più interessanti dedicate …

Iscriviti
Notificami
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

2 Commenti
più votati
più nuovi più vecchi
Commenti in linea
Vedi tutti i commenti
Fabrizio Goina

Per me il piu’ bel live e’ Look at the moon

Comunque , la sopra citata e’ stata una pessima operazione

Luca

Sono ancora in attesa di something in the air…spero arrivi