David Bowie is 21 ottobre 2016 1

David Bowie is 21 ottobre 2016

PROIETTATO IN UNA DIMENSIONE ALIENA!

200885_108124855939026_6274571_oPremetto, sono un vile profano e non un convinto adoratore del Duca Bianco, ma un po’ per la conclamata maestosità dell’opera bowiana ed un po’ per l’amicizia che mi lega al proselite GlamBoy, sono stato a vedere la mostra dedicata a David Bowie

La suddetta mostra è allestita al MamBo di Bologna, città ove ho vissuto cinque anni meravigliosi da studente universitario, la “città rossa” per antonomasia che non può non evocare il “ pianeta rosso” tanto caro al Duca.

Solo un caso? Mi piace pensare di no.

Richiami, analogie, misticismo ed esoterismo si scatenano allorché al centro della scena vi sono i mostri sacri del rock.

Comunque, dopo una breve attesa di fila inaspettata alle 11 di mattina davanti alla biglietteria (arrivano visitatori da tutta Eeuropa) acquisto il mio ticket, deposito giubbotto e zaino e mi appresto, con un certo entusiasmo, ad incontrare l’amico Ziggy Stardust.

Ebbene, abbandonate ogni pre-concetto di “mostra” intesa come struttura fatta di lunghi corridoi e di quadri appesi alle pareti sotto lampade da esposizione. Il Louvre e le Scuderie del Quirinale non potrebbero essere più lontane.

Tanto l’artista in questione è poliedrico, tanto la mostra si manifesta in forme diverse.

Video formato cinema, luci stroboscopiche, sfere a specchi, neon, pailettes, colori, laser e quant’altro.

Allorché si varca la soglia dell’entrata, il visitatore si trova immerso nel buio della concentrazione con in testa le cuffie dell’audio-ascolto. E allora il distacco dalla realtà diviene totale, il traffico di Bologna e i rumori della vita quotidiana spariscono, ci si ritrova catapultati in un mondo virtuale, proiettati in una dimensione “aliena” dove Bowie si manifesta in tutto il suo magnifico istrionismo

Si vaga di sala in sala, in una sorta di labirinto nel quale, inconsapevolmente, si torna ripetutamente sui propri passi.

lomdressE’ divertente girare tra manichini e chitarre, tra teche in vetro dove sono custoditi semplici fogli spiegazzati di quaderno: la minuscola calligrafia a penna impone di avvicinarsi e di leggere con attenzione…”..Time takes a cigarette, put in your mouth…”. In cuffia note divine avvicinano a Dio, fanno sentire il Suo respiro, mentre gli occhi leggono parole appartenenti all’umana avventura: “ I, I will be king. And you, you will be queen….”

Entro in una piccola stanza e resto ipnotizzato da due pupille dissimili immerse nell’intenso turchese del make up di Pierre la Roche. Le struggenti note di un pianoforte mi stringono il cuore:

It’s a god-awful small affair
To the girl with the mousy hair
But her mother is yelling no
And her daddy has told her to go.

Sarà pure stato il 1973, ma qui il Duca si fa beffe del concetto di spazio-tempo assurgendo a raro esempio di immortalità.

Resto non so quanto tempo davanti allo schermo, rapito da un brano che ho sentito e risentito ma che ancor’oggi mi scatena una fortissima piloerezione.

Procedo oltre, il demone del Rock si è già impossessato di me, e rimpiango solo di non poter ampliare ulteriormente le mie capacità sensoriali.

bluejeandressCon un occhio seguo il video della magnifica Blue Jean, con l’altro ammiro il costume di Jazzin far bella mostra sopra un cubo.

I puristi di Bowie non la amano, troppo commerciale per un artista cerebrale come lui.

Gli irriverenti iconoclasti come il sottoscritto la adorano: semplice, orecchiabile, coinvolgente.

Dopo almeno venti minuti di bamba totale davanti allo schermo mi accorgo che una signora sulla sessantina mi sta osservando divertita: muovo a ritmo di musica le chiappe mosce da impiegato mentre Bowie si rotola sul palco con la trascinante “Ooooh somebody send me Blue Jean can send me”.

Insomma, per farla breve: è stato bellissimo.

Pertanto, non perdetela.

Che siate fans indefessi de “l’alieno” o semplici amanti della buona musica, il pellegrinaggio alla mostra di David Bowie è obbligatorio per tutti voi.

Regalatevi una splendida giornata, vogliatevi bene… just for one day!

 

Giacomo Guidi  

 

 

 

 

Condividi Bowie
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Iscriviti
Notificami
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments