13 luglio 2016 Velvet Goldmine preview

‘Album cover shoot for Aladdin Sane, 1973. Photograph by Brian Duffy Photo Duffy © Duffy Archive & The David Bowierchive’

Inizia il 14 luglio al MAMbo di Bologna l’eccezionale mostra “David Bowie is” e Velvet Goldmine ha potuto vederla per voi in anteprima.

L’attesa da parte dei fan italiani (che hanno già visitato le precedenti edizioni di Londra, Parigi, Berlino e Groningen) di vedere l’allestimento italiano era altissima, e il MAMbo non ha deluso le aspettative.

Che la mostra sia straordinaria è inutile ripeterlo, e quella italiana ha mantenuto l’allestimento in linea con l’originale del V&A Museum. Gli ampi spazi del MAMbo, poi, contribuiscono senz’altro ad esaltare gli oggetti e i costumi esposti.

Ci sono voluti più di due mesi e 100 addetti per allestire i più di 300 articoli che compongono l’universo bowiano della mostra, più o meno lo stesso numero di oggetti della prima versione del V&A Museum, a parte qualche oggetto sostituito per problemi di fragilità e deterioramento.

Dopo la scomparsa di David, sono stati aggiunti i video di Blackstar Lazarus dietro espressa richiesta della famiglia.

La famosa sala dei video alla fine della mostra mantiene le sue spettacolari caratteristiche, anche se leggermente più contenuta di quella londinese. Quattro intere pareti su cui vengono proiettati i video più significativi: è sempre una gioia per occhi e orecchie sedersi e immergersi in questa magia.

Il Presidente del MAMbo, Lorenzo Sassoli De Bianchi dichiara con orgoglio: “questa mostra è l’ unica vera grande biografia autorizzata da Bowie”. Bowie ha infatti sempre rifiutato la sua autorizzazione a qualsiasi biografia, ma quando il Victoria&Albert Museum gli propose il progetto, lui si dichiarò entusiasta e dette loro carta bianca. E’ stato un lavoro enorme selezionare gli oggetti più significativi tra i 75.000 articoli custoditi in un capannone fuori New York che costituiscono l’immenso archivio privato dell’ artista.

Dal 2013 ad oggi “David Bowie Is” è stata visitata da più di un milione di persone e per l’ edizione italiana si aspettano circa 100.000 persone. Dopo Bologna, che sarà l’ultima possibilità di vedere la mostra in Europa, “David Bowie is” si trasferirà in Giappone. Alla fine delle esposizioni il materiale verrà restituito alla famiglia (all’ incirca l’ 80% del materiale esposto proviene dal Bowie Archive).

Lo Staff del MAMbo ci ha infine richiesto di segnalare qualsiasi inesattezza o imprecisione che i VelvetGoldminers dovessero ravvisare durante la loro visita, perciò siete tutti invitati a scriverci e comunicare le vostre eventuali segnalazioni.

LE CHICCHE DELLA MOSTRA:

recstudio
Lo Studio di Registrazione

Gli allestitori hanno anche pensato a una piccola sorpresa per i fans più accaniti: dal grande salone dei costumi anni 70, si accede a una piccola saletta (lo studio di registrazione). Entrate indossando le cuffie e sentirete i rumori di sottofondo dello studio di registrazione, con le risate e qualche battuta di David e i suoi musicisti. I fans più attenti potranno divertirsi ad indovinare a quale sessione si riferiscono…

Le altre chicche della mostra, oltre ai già famosissimi costumi:

SEE YOU AT MAMBO!

a cura di Paoola

Se avete informazioni o materiale da inviarci scrivete a velvetgoldmine@velvetgoldmine.it

Condividi Bowie
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Iscriviti
Notificami
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments