“Laughing with Liza”: nuovo box di David Bowie per il Record Store Day 2023

“Laughing with Liza”: nuovo box di David Bowie per il Record Store Day 2023 7

Il Record Store Day 2023 porta in dote un cofanetto della Decca contenente cinque dischi da 7″ che raccolgono i primi singoli di David Bowie pubblicati tra il 1964 e il 1967 per le etichette Vocalion e Deram.

“Laughing with Liza”: nuovo box di David Bowie per il Record Store Day 2023 8

Il 22 aprile 2023 uscirà un cofanetto dedicato a primi singoli di Bowie, pubblicati tra il 1964 e il 1967. Il cofanetto si intitola “Laughing with Liza: The Vocalion and Deram Singles 1964-1967” e contiene cinque dischi 45 giri con le canzoni che registrò per le etichette Vocalion e Deram, prima di raggiungere il successo nel 1969 con il brano Space Oddity.

Il cofanetto è una delle uscite esclusive del Record Store Day 2023, l’evento internazionale che celebra i negozi di dischi indipendenti e la cultura del vinile. Sarà disponibile solo in edizione limitata e numerata, con una tiratura di 1500 copie a livello globale. Oltre ai dischi, il cofanetto include due cartoline, un poster, un adesivo e un libretto di otto pagine con note informative e fotografie.

Ma quali sono le canzoni che troverai in questo cofanetto? Ecco la lista completa:

DISCO UNO

  • Lato A – Liza Jane
  • Lato B – Louie, Louie Go Home (Vocalion Pop – V.9221)

Questo è il primo singolo di Bowie, pubblicato nel giugno del 1964 sotto lo pseudonimo di Davie Jones with The King Bees. Si tratta di due brani di rock and roll influenzati dal rhythm and blues americano. “Liza Jane” è una cover di una canzone tradizionale, mentre “Louie, Louie Go Home” è una risposta al celebre “Louie Louie” dei Kingsmen.

Le copie originali di questo singolo 7″ sono una sorta di Santo Graal per i collezionisti di Bowie, la cui importanza storica supera di gran lunga le due semplici cover contenute tra i suoi solchi. L’allora diciassettenne Davie Jones si unì al compagno di scuola George Underwood, reclutò tre musicisti più grandi (che affermò di aver conosciuto da un barbiere) e registrò due facciate di vivace rhythm and blues, prodotto presumibilmente dal manager Leslie Conn che si era assicurato un contratto per un singolo una tantum con l’etichetta discografica Decca. Per questa sua prima uscita discografica, Davie Jones ottenne una buona copertura da parte della stampa, apparve come ospite nella Juke Box Jury della BBC (il disco fu giustamente considerato un “miss”) e con i King Bees eseguì due volte “Liza Jane” dal vivo alla televisione nazionale nel programma Ready Steady Go! di Rediffusion e in The Beat Room della BBC2.

DISCO DUE

  • Lato A – Rubber Band
  • Lato B – The London Boys (Deram DM 107)

Questo è il primo singolo di Bowie per la Deram Records, pubblicato nel dicembre del 1966. Si tratta di due brani che mostrano la sua sperimentazione con diversi generi musicali. “Rubber Band” è una canzone dal sapore nostalgico e orchestrale “The London Boys” è invece una ballata drammatica e decadente, che racconta la vita dei giovani mod londinesi.

Il contratto con la Pye Records di Bowie era scaduto a settembre del 1966 e per suscitare l’interesse di una nuova etichetta discografica il manager di David autofinanziò le registrazioni in studio dei brani “Rubber Band, “The London Boys” e “The Gravedigger“. I risultati di questa sessione impressionarono a tal punto i dirigenti della Decca che Bowie firmò un contratto per un album con la nuova etichetta Deram appena nove giorni dopo, il 27 ottobre 1966. I diritti di queste tre registrazioni furono poi acquistati dalla Decca per 150 sterline e due brani uscirono come singoli nell’ambito della campagna di lancio della Deram a dicembre. “Rubber Band” segnò un profondo cambiamento nello stile di scrittura e di esecuzione di David. L’accento americano e i riferimenti all’R&B erano ormai scomparsi da tempo, mentre Bowie adottava in modo lungimirante l’estrosità inglese e i sapori del music-hall che sarebbero sbocciati del tutto l’anno successivo, durante l’estate del 1967. Rubber Band ottenne una certa diffusione in radio, diverse recensioni incoraggianti (alcune delle quali sottolineavano l’influenza di Anthony Newley) e fu apprezzata quanto basta per essere reincisa in stereo e inserita nell’omonimo album di debutto di Bowie, pubblicato dalla Deram nel giugno 1967. 

The London Boys” era a sua volta una re-incisione, ma di una versione inedita prodotta da Tony Hatch e realizzata per la Pye da David e dai Lower Third, quasi un anno prima. Questo “cameo in parte autobiografico del giovane e audace mod che corre su per la salita di Wardour Street verso un paradiso deserto” è caratterizzato da un’interpretazione di David, teatrale e consumata, ed è a ragione considerata come una delle produzioni più importanti dei suoi primi lavori.

DISCO TRE

  • Lato A – The Laughing Gnome
  • Lato B – The Gospel According to Tony Day (Deram DM 123)

Questo è il secondo singolo di Bowie per la Deram Records, pubblicato nell’aprile del 1967. Si tratta di due brani che riflettono il suo interesse per la musica pop e il surrealismo. “The Laughing Gnome” è una canzone umoristica e psichedelica, in cui Bowie dialoga con uno gnomo che ride grazie a un effetto sonoro. “The Gospel According To Tony Day” è invece una canzone ironica e scanzonata, in cui Bowie elenca una serie di personaggi bizzarri.

Nella primavera del 1967 “The Laughing Gnome” fu un successo talmente popolare sui giradischi che il 29 maggio il Times, nella sua austera recensione sullo stato del pop di Sgt Pepper, osservò che “fu estaticamente inserito dalle stazioni pirata ma rimase costantemente il flop che meritava di essere”. Vale anche la pena di notare che le piccole creature mitologiche si aggiravano chiaramente nel sottobosco dello Zeitgeist, dato che il 19 marzo i Pink Floyd avrebbero registrato la composizione di Syd BarrettThe Gnome” per inserirla nel loro album di debutto, The Piper at the Gates of Dawn. “The Laughing Gnome” di Bowie è un melange che unisce l’umorismo pungente e vaudevilliano di David a una ridacchiante pronuncia newyorkese, il tutto legato da voci di gnomi a velocità variabile e da un cenno incredibilmente surreale alla strumentazione di “Waiting for the Man” dei Velvet Underground. Anche se nel 1967 non scalò le classifiche, “The Laughing Gnome” fu abbastanza popolare da essere mantenuto in catalogo dalla Decca, che lo ripropose con successo durante la prima ondata di Bowiemania, raggiungendo il n. 6 in classifica nell’ottobre 1973. “The Gospel According To Tony Day” è il rovescio dell’umorismo di Bowie, sarcastico e amaro, in quanto in un parlato elenca i conoscenti e le loro presunte mancanze, tra cui un Tony Day realmente esistito, un session man di successo che frequentava David nel caffè La Gioconda di Denmark Street (e che potrebbe, o meno, aver portato via una delle ragazze a David…).

DISCO QUATTRO

  • Lato A – Love You Til Tuesday
  • Lato B – Did You Ever Have a Dream (Deram DM 135)

Questo è il terzo e ultimo singolo di Bowie per la Deram Records, pubblicato nel luglio del 1967. Si tratta di due brani che anticipano il suo stile più melodico e romantico. “Love You Til Tuesday” è una canzone d’amore dolce e orecchiabile, che fu usata anche come colonna sonora di un cortometraggio omonimo dedicato a Bowie. “Did You Ever Have A Dream” è invece una canzone onirica e fantasiosa, in cui Bowie immagina mondi diversi.

Love You Till Tuesday“, il terzo singolo di David per l’etichetta Deram, aveva tutte le premesse per diventare un successo. Si trattava di una rielaborazione di un brano del suo album di debutto, con un arrangiamento orchestrale nuovo e incisivo curato da Ivor Raymonde (con all’attivo recenti successi con The Walker Brothers e Dusty Springfield), che si avvaleva dei migliori strumentisti in circolazione a Londra. Le recensioni furono incoraggianti quasi all’unanimità, con Melody Maker che arrivò a dire che con questo disco David era “uno dei pochi cantanti solisti veramente originali che operano nel teatro del pop britannico”. “Love You Till Tuesday” fu pubblicata nel Regno Unito, negli Stati Uniti, in Germania, in Olanda e in Sudafrica, ma nonostante l’esposizione e il supporto internazionale, fece flop ovunque e si rivelò l’ultimo singolo contrattuale pubblicato per Decca.

Il lato B “Did You Ever Have A Dream“, registrato nel novembre del 1966, era stato previsto in origine come brano per l’album (e fu persino incluso nell’ordine di esecuzione di un primo acetato del disco) e, con un tipico tocco astratto bowieano, è di certo l’unico caso in cui il volo astrale e Penge (un sobborgo londinese vicino a Beckenham) sono citati nella stessa canzone.

DISCO CINQUE

  • Lato A – Space Oddity (Love You Til Tuesday version)
  • Lato B – The Laughing Gnome (Vocal Take 1, Mix 1) (Inedito)

Questo disco contiene due brani registrati da David Bowie nel 1967 per la Decca Records, prima di firmare con la Philips Records e pubblicare il suo album di debutto omonimo. Space Oddity è una versione alternativa di quella che sarebbe diventata la sua prima hit nel 1969, mentre The Laughing Gnome è una canzone umoristica che sfrutta un effetto sonoro chiamato vari-speed per creare la voce dello gnomo. Questa versione vocale inedita è diversa da quella pubblicata come singolo nello stesso anno e contenuto nel disco tre di questo cofanetto.

Il contratto discografico di David con la Decca terminò il 22 aprile 1968 e, come per “Rubber Band/The London Boys“, questa prima registrazione in studio di “Space Oddity” fu finanziata da Ken Pitt, manager di Bowie. Pitt aveva commissionato e sottoscritto la realizzazione di uno speciale televisivo di mezz’ora per mostrare il talento di David e nelle prime sedute di produzione era emerso che al programma mancava un grande momento musicale. David era stato recentemente colpito dai temi dell’alienazione e dell’isolamento presenti nel film 2001 Odissea nello spazio di Kubrick (anche il nome del protagonista, “David Bowman”, deve aver avuto una certa risonanza) e fu da lì che scaturì l’idea di “Space Oddity“.

IN CONCLUSIONE

“Laughing with Liza”: nuovo box di David Bowie per il Record Store Day 2023 9

Il titolo del boxset Laughing With Liza si riferisce alla canzone Liza Jane, il primo singolo di Bowie uscito nel 1964 per la Vocalion Records.

I cinque singoli contenuti in queste pubblicazioni, nella loro versione originale non certo in questa ristampa, sono dei veri e propri pezzi da collezione per gli amanti di David Bowie e della musica degli anni ’60. La replica è molto ben curata: ogni disco ha la sua copertina originale e un’etichetta fedele all’epoca. Il box include anche un libretto con note informative e fotografie rare.

È, come molte di quelle pubblicate ultimamente, un’uscita riservata ai collezionisti e agli amanti del vinile. Non lo riteniamo un cofanetto musicalmente rilevante o particolarmente interessante, visto anche il prezzo di vendita che sfiorerà i 100 euro. È però un box ben fatto e curato.

Laughing with Liza: The Vocalion & Deram Singles 1964-1967 sarà disponibile dal 29 aprile 2023 presso i negozi aderenti al Record Store Day al costo di circa € 95,00

Condividi Bowie

Chi è VG Crew

La Crew di VG è formata da Daniele Federici e Paola Pieraccini. Daniele Federici è organizzatore di eventi scientifici ed è stato critico musicale per varie testate, tra cui JAM!. E'autore di un libro su Lou Reed del quale ha tradotto tutte le canzoni, prima di farlo con quelle di Bowie. Paola Pieraccini, imprenditrice fiorentina, è presente su VG fin dall'inizio e lo segue dagli anni '70. Entrambi hanno avuto modo di incontrare Bowie come rappresentanti di VG.

Guarda anche

Ziggy Stardust and the Spiders From Mars: The Motion Picture torna sul grande schermo il prossimo 3 luglio in HD

La riedizione del film “Ziggy Stardust and The Spiders From Mars: The Motion Picture” celebra …

Iscriviti
Notificami
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Commenti in linea
Vedi tutti i commenti